Seleziona la tua lingua: 
 Pubblicata il 12/05/2014

Salute, Territorio | 11 Febbraio 2019
Fisioterapia e Sport, una serata per chiarire le idee
Fisioterapia e Sport, due parole che, al contrario di quello che molti di noi pensano, vanno di pari passo. Ce ne parla il Dottor Mattia Plati, fisioterapista di professione da quasi 10 anni, durante la conferenza che si è svolta nella serata di Lunedì 11 Febbraio, durante la quale il Dottor Plati ha chiarito le idee dei presenti, cercando di avvicinare la Fisioterapia agli amanti dello sport e non solo.
Sant’Antonino Ticino – “Non sono uno sportivo, e durante la serata si parla soprattutto di sport. Ma non passa molto dall’inizio della serata, perché io capisca che in realtà, sport significa movimento, ed anche io, come tutti, faccio ogni giorno migliaia di movimenti, forse senza nemmeno rendermene conto. Durante la serata, capisco che, per uno sportivo, sia esso professionale, agonistico o dilettantistico, avvalersi di un bravo fisioterapista significa già essere un passo avanti agli altri”, introduce così Stefano la serata che ha seguito per noi.
Lo sa bene Mattia Plati, Dottore Fisioterapista di professione da quasi 10 anni, con Studio a Lonate  Pozzolo che, nel corso della sua carriera, ha avuto modo di affiancare sportivi di diverse discipline, anche quelle più particolari, o chi, anche solo per passione amatoriale, si avvicina allo sport.
Durante questa serata, voluta anche grazie anche al sostegno di Sant’antonino C’è, un’associazione culturale che ha messo a disposizione la sala, il Dottor Plati ha cercato di avvicinare la Fisioterapia agli amanti dello sport e non solo loro.
Soprattutto in fase di prevenzione, il fisioterapista può aiutare lo sportivo che vuole evitare traumi e dolori che poco si coniugano con chi, magari, il giorno successivo deve affrontare una gara.
Ogni nostro movimento, chiama in gioco una o più parti del nostro corpo, ma per sapere come evitare un trauma, è bene sapere quale muscolo, quale osso, quale articolazione, è coinvolta da ogni singolo movimento.
Ci sono sport, come il calcio, in cui più del 50% dei traumi sono causati dal contatto tra due giocatori. Un altro sport, come ad esempio la pallavolo, non prevede contatti, ma i traumi capitano lo stesso. E non è nemmeno giusto pensare di non far fare alcuna disciplina ai nostri bambini… le articolazioni poco allenate infatti, sono ancora più soggette a problematiche!
Che cosa vuol dire allenarsi: ognuno di noi è diverso dall’altro, per questo, ognuno di noi ha bisogno di un diverso allenamento. Gli allenatori dovrebbero essere in grado di strutturare, in base al livello dell’atleta, un allenamento studiato ad hoc. Non solo siamo tutti diversi, ma anche nella stessa disciplina, i movimenti sono molto diversi, i rischi anche. Pensate a un attaccante e un portiere nel calcio. Secondo voi, fanno gli stessi movimenti? Ovviamente no, quindi, è sbagliato pensare di allenarli allo stesso modo.
Il Fisioterapista però, può aiutare, studiando, tra le altre cose, quello che viene chiamato “concetto di carico/capacità di carico”. Per giungere alle migliori performance, è necessario forzare il nostro corpo a piccoli passi. Ogni volta un passo in più, passando per due livelli: quello in cui il corpo non sente la fatica, e quello in cui si inizia a sentire un po’ di fatica.
L’importante è non superare questo limite: affaticare troppo la muscolatura, significa oltrepassare un limite che il nostro corpo non è -ancora- in grado di sopportare, quindi la performance sarà solo danneggiata.
Ogni sport, ha poi bisogno di diverse capacità e prestazioni per arrivare al risultato finale, il Dottor Plati parla di diversi aspetti: velocità, resistenza, capacità di recupero, forza, potenza, diverso metabolismo di uno o dell’altro atleta… tutti questi parametri, devono essere tenuti in considerazione, per far sì che ogni persona arrivi, avendo un allenamento personale, a dare il meglio di sé.
Invece, quando subiamo un trauma, cosa succede nel nostro corpo? Si usano diverse terminologie, come Strappo, Stiramento, Contrattura, Lussazione, Distorsione…
Ma esistono anche varie sottocategorie, perché anche nel caso del trauma, ogni tipo è diverso. Ci sono casi in cui il trauma è causato da un qualcosa di non prevedibile, ma anche casi in cui abbiamo affaticato troppo il muscolo, tanto che lo abbiamo danneggiato. Fermatevi prima, prima che il danno sia fatto! Se volete un consulto, guardate qui, lo Studio Plati è a vostra disposizione.
Anche molti allenatori e preparatori atletici avrebbero bisogno di affiancarsi ad un fisioterapista. Ma non solo chi si occupa di sport. Ci sono cose che solo un fisioterapista può comprendere e risolvere, perché il fisioterapista conosce il nostro corpo, ogni singola fibra del nostro corpo.
A volte, anche un semplice ma fastidioso mal di testa, può essere causato da qualcosa che il fisioterapista può risolvere. Se l’allenamento serve per preparare la partita o una gara, dobbiamo iniziare a pensare che anche l’allenamento va correttamente studiato e preparato prima, da chi davvero se ne intende.
Un allenamento non consono infatti, potrebbe compromettere poi le performance in gara. Il Dottor Plati durante la serata, continua a sorprendere, un aneddoto dopo l’altro, una spiegazione dopo l’altra, “mi rendo conto, conclude Stefano, di quanto sia ampia la Fisioterapia, e di quanto poco mi abbiano insegnato i miei allenatori di quando, da più piccolo, ho praticato diversi sport”.
Una serata molto utile, sotto diversi aspetti, che mi sento di riassumere con questa affermazione: il fisioterapista è colui che riesce a “sussurrare” al nostro corpo parole dolci dove c’è dolore, così che il muscolo, rilassandosi un poco, riesca a lavorare al ritmo giusto per lui, migliorando e facendo sparire il dolore.
Stefano Broserà